Chi siamo

Donnesenzaguscio nasce come luogo di incontro tra donne che condividono la realtà di essere donna e manager. E l’interesse a ragionare su come è possibile ricoprire ruoli decisionali senza adattarsi ai modelli dati, ma portando lì il nostro punto di vista di donne. Vogliamo valorizzare e far circolare pensieri e pratiche innovativi che vengono dalle donne nel management. Per allargare gli orizzonti manageriali con beneficio per le aziende e per chi vi lavora. Qui il nostro punto di vista

Eventi

Rimini, Coordinamento donne, ‘Sapienza contro violenza’. Incontro con Luisa Pogliana su ‘Esplorare i confini’

sabato

18

marzo

alle ore:

17.30

 

Biblioteca Gambalunga, Sale antiche. Rimini

“Perché più donne che uomini stanno cambiando i convincimenti radicati del management con risultati sorprendenti?Perché tante donne non vedono il valore di quello che fanno? Com’è cambiato l’esercizio del potere? Quale nuova conoscenza possiamo raccogliere da queste politiche e trasmettere altrove?”
Vera Bessone -del Coordinamento donne del Comune di Rimini- parla con Luisa Pogliana del libro ‘Esplorare i confini’

[…]

Stati Generali delle Donne per i Trattati di Roma: Intervista a Luisa Pogliana sul libro ‘Esplorare i confini’

giovedì

16

marzo

alle ore:

15.30

 

Milano Palazzo delle Stelline, corso Magenta 59, Ufficio del Parlamento Europeo

Gli Stati Generali delle Donne sono convocati per riflettere sul sessantesimo anniversario della firma dei Trattati di Roma, momento decisivo del processo costitutivo della Comunità Europea. Intendiamo superare l’aspetto celebrativo per interrogarsi sullo stato attuale delle istituzioni comunitarie, cercando di capire se sarà possibile e come rilanciare il grande progetto europeo attraverso una analisi approfondita delle criticità e la costruzione di un laboratorio per esaminare le prospettive di rilancio, dal punto di vista delle donne.

 

Programma Milano- Palazzo delle Stelline, Ufficio del Parlmento Europeo, Corso magenta 59

Ore 15, 30 Saluti delle autorità
ore 16 Parliamo di lavoro e di empowerment economico.
Presentazione del libro di Luisa Pogliana, “Esplorare i confini. Pratiche di Donne che cambiano le aziende”attraverso una intervista all’autrice di Isa Maggi.
Partecipano Cinzia Boschiero, Claudia Sorlini, Francesca Zajczyk,Silvia Dumitrache,Giovanna Gabetta,Mariella Berra,Milena Barbieri.
ore 17,30 Parliamo di stili di vita e di benessere.
Presentazione del libro di Agnese Belardi, “A muso duro” attraverso una intervista all’autrice di Gabriella Scaduto.

[…]

‘Il vino delle donne: degustazione con le produttrici’. E con Luisa Pogliana che parla di ‘Esplorare i confini’ all’evento FISAR

venerdì

10

marzo

alle ore:

20.15

 

Milano Doria Grand Hotel , via Andrea Doria 22.

Incontro FISAR (Federazione Sommelier, Ristoratori, Albergatori) domani venerdì 10 marzo ore 20.15 Grand Hotel Doria via Doria 22 Milano.
“In occasione della serata delle donne avremo il piacere di ospitare l’associazione Donnesenzaguscio, che promuove il diverso ruolo imprenditoriale e manageriale delle donne in azienda. Luisa Pogliana, una delle fondatrici, ci spiegherà il fondamentale apporto femminile all’interno dell’impresa… e della cantina.” Si potrà acquistare il libro ‘Esplorare i confini’
(si precisa che Luisa degusterà solo dopo il suo intervento)
https://www.facebook.com/events/1860763934212912/

[…]

Contributi

Annamaria Rigoni: Mary Parker Follett, Joan Woodward e il libro ‘Esplorare i confini’ di Luisa Pogliana

In questo momento così complesso, caratterizzato dalla globalizzazione, dall’incontro/scontro con storie e culture differenti e da una sorta di “onnipotenza” tecnologica che ci inquieta, si sente sempre più la necessità di nuovi pensieri e pratiche che ci aiutino a distinguere ciò che è vero da ciò che è “fake” e che ci mostrino nuovi orizzonti, più generativi. Ma dove trovare delle indicazioni che ci aiutino a vedere le nuove vie da intraprendere? Luisa Pogliana nel libro “Esplorare i confini – Storie di donne di donne che cambiano le aziende” ci dà alcuni suggerimenti.
Le donne, dice lei, si muovono in modo diverso, sanno “misurarsi con i vincoli senza perdere il proprio orientamento, trovare un equilibrio tra libertà e necessità”, maturano “le decisioni tarandosi sulla situazione che hanno davanti, su quello che a loro sembra giusto e possibile anche se non sostenuto dalle consuetudini. Avviano un processo e lo sviluppano misurandosi via via con la realtà. Non è una riduttiva questione di pragmatismo, è un modo di pensare libero da pregiudizi attento alla specificità, alle circostanze, al contesto umano e affettivo”.
E’ un modo di fare che fa parte dell’esperienza di molte donne, e che è ora importante portare alla luce,

[…]

Videoregistrazione dell’incontro alla Casa della Cultura ‘Che succede in azienda? Forzare il potere, cambiare il lavoro’

https://www.youtube.com/watch?v=PiLrndHR8Aw

Lo scorso 24 febbraio alla Casa della Cultura di Milano RENATA BORGATO ha coordinato una discussione a partire dal libro ‘Esplorare i confini’ di Luisa Pogliana,che ne ha presentato i temi. Sono intervenute PINA GRIMALDI direttrice sistemi di un gruppo ospedaliero, MICHELA SPERA segretaria nazionale FIOM, GIORDANA MASOTTO co-fondatrice della Libreria delle Donne di Milano.
Un insolito incontro di donne molto diverse, che hanno trovato punti di interessa comune che aprono a nuove prospettive
Tutti gli interventi sono sorprendenti nei contenuti, nei modi di vederli, nelle domande che si pongono sulle possibilità, nel come hanno guardato ognuna alle altre. Voci da ascoltare
Bisogna dare continuità a tutto questo. O almeno provarci

[…]

Lavorare con le persone, non per mezzo delle persone. Su L&M articolo di Luisa Pogliana

Persone, persone al centro, centralità delle persone in azienda: parole che ricorrono troppo spesso nelle dichiarazioni d’intenti aziendali. Irritanti per la vuota retorica, sintomo della mancanza di azioni conseguenti alle parole. In molte esperienze di donne manager, questa attenzione è invece una costante, un modo di lavorare. Diversamente da come si è sempre fatto, lavorano con le persone, non per mezzo delle persone. Questo comportamento è tanto evidente che a volte viene usato per dare letture limitanti dell’apporto delle donne nel management. Che viene ricondotto alle supposte attitudini femminili trasferendo in azienda quanto avviene nell’ambito famigliare. Queste donne hanno invece uno sguardo ampio, capace di abbracciare in un unico coerente approccio tutti gli aspetti che un manager o una manager deve prendere in considerazione. L’azienda è complessa e le donne vedono l’insieme perché guardano tutte le componenti. Gestiscono i progetti su vari piani e li vedono in un unicum. Non separano il lavoro dal resto della vita. Non dividono l’azienda tra soggetti che contano e soggetti che contano poco. Superano i comportamenti abituali standardizzati che male si adattano a gestire la complessità. Molte delle loro politiche escono per questo dalle concezioni gerarchiche fondate sul controllo, e puntano invece alla responsabilità di chi lavora,

[…]

Raccontare la trasformazione si può. Luciana Tavernini su Leggendaria n° 121 parla del libro ‘Esplorare i confini’. Un estratto dal suo articolo

….Il testo di Luisa Pogliana, suddiviso in brevi capitoli e paragrafi, intervallati dal racconto puntuale di situazioni precise, mette in discussione il modo di concepire il management volto alla ricerca di risultati a breve termine da portare agli azionisti dell’azienda, imponendo le scelte attraverso una gerarchia rigida e ruoli predefiniti e controllandone l’esecuzione. Promotrice dell’associazione donnesenzaguscio, l’autrice, discutendo con le altre dell’associazione, con GiordanaMasotto e Lia Cigarini, e coinvolgendo diverse manager, ha mostrato come alla base di soluzioni innovative vi sia una diversa concezione non solo del modo di dirigere un’azienda ma dell’azienda stessa. Le manager di cui vengono presentate parecchie esperienze, scelte di volta in volta come esempio di attuazione di un criterio, di un orientamento, invece di imporre modelli, programmi e procedure, cioè norme e procedure stabilite prima, propongono metodi, progetti, processi cioè un cammino per tendere a una meta, andando avanti. Esse gestiscono il presente, progettano nella realtà creando situazioni di responsabilità diffusa, non temendo di svalorizzarsi perché «la responsabilità, come la conoscenza o un sentimento, è qualcosa a cui non si rinuncia nel momento in cui si condivide». Si tratta di imparare a scoprire e coltivare le potenzialità di chi si dirige, creando però sistemi premianti sia con una retribuzione materiale che immateriale.  

[…]