Chi siamo

Donnesenzaguscio nasce come luogo di incontro tra donne che condividono la realtà di essere donna e manager. E l’interesse a ragionare su come è possibile ricoprire ruoli decisionali senza adattarsi ai modelli dati, ma portando lì il nostro punto di vista di donne. Vogliamo valorizzare e far circolare pensieri e pratiche innovativi che vengono dalle donne nel management. Per allargare gli orizzonti manageriali con beneficio per le aziende e per chi vi lavora. Qui il nostro punto di vista

Eventi

AIDP Abruzzi Molise con Associazione Industriali: Incontro su ‘Pratiche di donne che cambiano le aziende’ con Isabella Covili e Luisa Pogliana

AIDP EVENTO Molise-DEF-

venerdì

01

dicembre

alle ore:

16

 

Campobasso Via Cardarelli 19, presso Associazione Industriali del Molise

Parliamo di nuovi orientamenti di management perché il mondo del lavoro è drasticamente cambiato, e richiede anche un management diverso. Per questo è utile guardare ad alcune politiche già effettivamente realizzate nelle aziende da donne manager, che hanno avuto la capacità e il coraggio di andare oltre alcuni convincimenti radicati del management con risultati imprevisti. Dunque non si tratta di come il management dovrebbe essere. Parliamo di un management che c’è già, è reale.

 

 

[…]

Un passo in alto. Seminario all’Ospedale Besta di Milano su donne nei luoghi decisionali

Evento CUG-BEWIN 15 novembre

mercoledì

15

novembre

alle ore:

16.30

 

Istituto Neurologico Besta, via Celoria 11 Milano

Anche la struttura gerarchica dell’ospedale Besta conferma che le donne si diradano via via che si sale, fino a sparire nei vertici. Ma questo incontro vuole spostare l’attenzione dagli ostacoli posti dalla cultura maschile a quello che può stare nelle nostre mani. Forse non ci concediamo di desiderare una situazione in cui possiamo avere potere, cioè la libertà di agire.

[…]

Un altro genere di leadership? Un workshop tra Università e Aziende, con intervento di Luisa Pogliana

Martedi 3 ottobre all’Università di Firenze, P.zza Ugo di Toscana 5, edificio D15 si è tenuto workshop di CrossThink LAB su ‘Un altro genere di leadership?’. Luisa Pogliana ha aperto una tavola rotonda proponendo i nuovi orientamenti di management che emergono da politiche realizzate in azienda da donne manager, capaci di andare oltre i convincimenti e le prassi abituali (con riferimento al libro Esplorare i confini). Un’iniziativa nata dalla collaborazione tra l’Istituto Dirpolis della Scuola Sant’Anna di Pisa e l’advisory firm Trim2, per un approccio multidisciplinare alla diversità nel management. Il workshop è stato costruito con il coordinamento della ricercatrice Alessia Belli .

Programma http://tt.trim2.it/workshop_program.html                                                                                                             

[…]

Contributi

‘Esplorare i confini’ :Un bell’incontro di AIDP Abruzzi e Molise, Campobasso 1 dicembre

IMG-20171205-WA0001

Un incontro molto intenso e partecipato sui temi del libro ‘Esplorare i confini’ di Luisa Pogliana, voluto da AIDP Abruzzo e Molise, Campobasso. 1 dicembre. Nessun discorso rituale, donne bravissime e uomini veramente interessati, aria di festa e di scambio reciproco di idee ed esperienze.
Grazie, abbiamo fatto insieme una cosa arricchente

Qui parte dell’intervento di Luisa Pogliana

https://www.facebook.com/AIDPAeM/videos/1933423193340475/

 

[…]

Un passo in alto. Estratto dall’intervento di Luisa Pogliana al seminario di BEWin all’Istituto Besta di Milano

Piramide Besta


La ‘piramide’ mostrata nell’intervento introduttivo è un’efficace sintesi della presenza di uomini e donne nei diversi livelli professionali e gerarchici al Besta. Purtroppo è solo una delle molte statistiche con le stesse evidenze: le donne si diradano via via che si sale verso i ruoli decisionali alti fino a sparire nei vertici.
Conosciamo bene il meccanismo che ci ostacola l’accesso a quelle posizioni: le élite tendono a riprodursi uguali a se stesse, così gli uomini continuano a cooptare gli uomini. Tanto che su questo sono ci sono da tempo anche interventi istituzionali (le quote nei CDA, le varie leggi sulla parità…). Ma certamente non possiamo aspettare che il cambiamento ci venga solo dall’alto, dalle istituzioni. Non basta.
La proposta di questo incontro è di spostare l’attenzione su di noi, su quella parte del problema che può stare nelle nostre mani.
Prendo per questo qualche dato diverso sull’occupazione femminile, fornito dall’Istat per la prima volta per le grandi città, perché ci permette qualche riflessione in questa direzione. Prendiamo la situazione di Milano, che emerge in modo straordinario.
L’occupazione femminile è altissima (70%) superando le altre grandi capitali europee; le donne sono la metà delle persone che lavorano (48%),

[…]

Far emergere il potenziale nascosto. Articolo di Luisa Pogliana su L’Impresa

Unknown

 

Cambiare i parametri di valutazione e di individuazione delle potenzialità, introdurre vincoli per forzare le barriere culturali e i modelli abituali della selezione, cercare dove gli altri non vanno e vedere ciò che gli altri non guardano. Fare l’analisi delle competenze in modo rovesciato rispetto a come di solito si procede: non si mettono le persone a confronto con un modello di competenze date, ma si guarda al loro potenziale, perché se ci sono le attitudini e l’interesse, le competenze si possono poi costruire. Le persone si possono formare e trasformare. Sono questi alcuni strumenti per far emergere capacità presenti nell’azienda ma ignorate, attuati soprattutto da donne manager. Convinte che il valore dentro le aziende è più di quello che si conosce, ma bisogna vederlo e curarlo. Forse perché hanno sperimentato spesso in prima persona questa miopia aziendale, ma ciò nonostante hanno avuto fiducia nelle loro capacità e si sono fatte avanti. Così ora facilitano questo processo per i loro collaboratori. Per esempio, in una grande azienda italiana, con una quota consistente di dipendenti immigrati tutti con mansioni non qualificate, la responsabile dello sviluppo ha lavorato ad un censimento delle competenze rispetto a questa popolazione.

[…]

“Negoziare senza nemici, confliggere senza distruggere”. Articolo di Luisa Pogliana si l’Impresa di settembre

Unknown

Le donne sono abituate da secoli e fare la spola tra necessità e libertà, tra piacere e doveri, tra scelta e costrizioni. E’ un modo di vivere peculiare delle donne, e per questo hanno qualcosa da dire sulla negoziazione e sui conflitti. Anche le esperienze delle molte donne manager che stanno attuando politiche con un diverso orientamento manageriale, parlano in fondo di negoziazione. Per esempio, tra queste manager e il vertice aziendale che ha spesso una cultura contrastante rispetto alla loro, refrattaria a modi di agire che si allontano dagli standard. Portare avanti politiche in discontinuità con i convincimenti consolidati richiede consapevolezza del contesto aziendale e dei rischi a cui ci si espone. E dunque molta attenzione a quanto e come si possono spostare i limiti senza romperli. Questo è un punto chiave: la negoziazione che evita inutili scontri frontali implica un cambiamento rispetto alle dinamiche solite del potere: in quest’ottica, più spesso maschile, la contrattazione viene intesa come sopraffazione, in funzione di una propria vittoria cercata tramite l’annientamento dell’altro soggetto. Per molte donne, invece, la contrattazione è essenzialmente ricerca e occupazione di uno spazio intermedio, dove si trova una possibile convergenza dei diversi interessi. E’ mirata a trovare un ritorno adeguato per entrambe le parti in gioco,

[…]