LA PARTE CHE STA NELLE NOSTRE MANI. Qualche dato insolito e incoraggiante. Un contributo di Luisa Pogliana su L’Impresa

L’accesso delle donne ai vertici delle aziende tocca il ricambio delle élite, che si riproducono uguali a se stesse. Se lì prevalgono gli uomini, le donne sono tenute fuori, e la cultura aziendale resta maschile, penalizzante per le donne. Non possiamo dunque aspettarci un cambiamento se non ci muoviamo noi: guardiamo a quella parte del problema che sta nelle nostre mani, per fare un passo in alto. I dati sull’occupazione femminile a Milano permettono  riflessioni incoraggianti.

MILANO, UN ESEMPIO STRAORDINARIO

Nel 2016 per la prima volta l’Istat ha fornito una rilevazione sulla forza lavoro nelle grandi città italiane1, da cui emerge la straordinaria situazione di Milano. L’occupazione femminile è altissima (70%) superando per quantità e qualità dei posti occupati le altre grandi capitali europee. La metà delle persone che lavorano sono donne, molto più istruite degli uomini (laureate 60% vs 35%). E sono presenti in misura più o meno uguale agli uomini in quasi tutti i settori e livelli di qualificazione. Si può dire, con piacere, che le donne nel lavoro -almeno in questa città- sono dappertutto. O quasi dappertutto. Infatti le donne restano sottorappresentate nelle posizioni di vertice,

[…]