LE COMPETENZE SPRECATE- Una tavola rotonda a Bologna della FONDAZIONE ENZO SPALTRO e AIDP EMILIA-ROMAGNA

LE COMPETENZE SPRECATE
Governare le aziende con modelli organizzativi nuovi La presenza delle donne in aziende nei ruoli manageriali ha fatto emergere una differente visione del lavoro, del modo di essere manager, dell’azienda stessa.
E’ uno scenario nuovo dove le donne hanno la possibilità di esprimere il loro potenziale professionale e l’azienda di arricchirsi di capacità presenti al suo interno e spesso sprecate.
Eppure spesso rimane molto difficile realizzare questi cambiamenti perché chi ha il potere in azienda tende a riprodurre un modello considerato l’unico possibile che tiene le donne fuori dai posti dove si decidono le politiche aziendali.
Non stupisce, allora, che le donne, rispetto a questo modo in cui il potere si manifesta, vivano una difficoltà che porta spesso a chiamarsene fuori.
Ma oggi il mondo è cambiato, le esigenze anche per il mondo del lavoro sono diverse e le aziende fondate su modelli conservatori, incapaci di nuove visioni, non hanno prospettive.
Le donne si trovano di fronte ad una nuova assunzione di responsabilità e gli uomini di fronte a possibili organizzazioni diverse.
Si tratta per le aziende di ragionare sulle diverse visioni che vengono dalle donne e dagli uomini e sui possibili modelli organizzativi che permettano l’apporto indispensabile di entrambi.
Giovedì 17 febbraio 2011, Dalle ore 17 alle ore 19,Presso la sede di Emilbanca di Bologna
Rita Finzi – Vice Presidente LegaCoop Bologna
Isabella Covili Faggioli – Presidente Aidp Emilia Romagna
Ivano Piran – Direttore Risorse Umane Profumerie Limoni
Luisa Pogliana – Presidente Associazione Donne senza Guscio
Coordinerà l’incontro Stefano Guaraldi
Direttore del Personale di Emilbanca e membro della task force zero dell’Università delle Persone

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter

Categorie

Categorie

Archivi

Archivi

Articoli recenti

Misoginia, uno strumento politico

Il concetto della misoginia come strumento di potere apre una prospettiva nuova. Chiamarla con questo nome rende consapevoli delle dinamiche strategiche della misoginia oltre le apparenze di superficie, per poterla contrastare

Leggi tutto »

Cosa è emerso nell’incontro sulla MISOGINIA COME STRUMENTO POLITICO

Il concetto della misoginia come strumento di potere apre una prospettiva nuova, chiara e precisa. Definire le cose con una visione piuttosto che un’altra cambia il senso di questo fenomeno e la capacità di comprenderlo.

Permette di prendere più consapevolezza delle dinamiche della misoginia al di là delle apparenze di superficie, per poterla contrastare: non esiste una soluzione semplice a problemi complessi, non esiste una frasettina magica che risolve tutto.

Leggi tutto »